L’industria del gioco d’azzardo in Italia

leo-vegas-casinoL’industria dell’intrattenimento per adulti è sempre più connessa e al passo con i tempi, specialmente per quanto riguarda il segmento dei casinò online. Si tratta di fare di necessità virtù, visto che oggi il gioco viene effettuato principalmente attraverso dispositivi mobili digitali. Alcune sale da gioco virtuale si sono trovate impreparate, negli anni passati, visto che puntavano principalmente sugli utenti connessi tramite PC fisso o laptop. Le cose però sono cambiate rapidamente per via anche del fatto che oggi tutti posseggono un tablet o uno smartphone di ultimissima generazione. Quasi nessuno ormai, specialmente gli under 40 naviga o utilizza il PC se non per lavoro. Lo svago e il tempo libero viene visto invece come un motivo in più per utilizzare il proprio iPhone di ultima generazione o un altro tipo di dispositivo mobile di recente sviluppo. Nel gioco online dei casinò quindi abbiamo visto come la tecnologia sia stata utile per trasportare i giochi classici in modalità virtuale, senza perdere l’effetto spettacolare del gioco dal vivo.

Chi si occupa di queste attività come ad esempio il sito LeoVegas.it conosce bene il gioco in tutte le sue caratteristiche principali. Infatti non è un caso se il casinò pur trasferendosi su piattaforma virtuale non ha perso il suo fascino spettacolare e intrinseco. E’ difficile spiegare la fenomenologia del gioco e quella del gambler; in tanti hanno provato a dare spiegazioni esaustive, ma non si spiega come mai la febbre del gioco colpisca in modo netto ed evidente alcune persone, mentre altre restano del tutto indifferenti. Tutto questo vale oggi con la tecnologia digitale, così come in passato. E’ nuovo invece l’interesse dello Stato e del Governo per raccogliere tasse attraverso il gioco e i casinò virtuali. Si tratta di un volume d’affari sempre più in espansione e che tra il 2014 e il 2016 pare abbia raggiunto l’apice in ottica di Erario. La tassazione del gioco, sia quello online che quello fisico, comporta entrate significative per lo Stato. Così, nonostante il fenomeno del gioco conti vittime e persone contrarie ad esso, la regolamentazione diventa sempre più accorta e capillare. Da un lato la cosa eticamente non è vista bene da parte di analisti e detrattori.

Bisogna però considerare un aspetto importante: lo Stato è in grado di rendere il gioco più trasparente e regolamentando alcuni dettagli tecnici importanti. Inoltre, laddove c’è una proibizione questa è sempre a vantaggio dell’illegalità che tradotto in poche parole vuol dire dare maggiore forza alle mafie, che fino a pochi anni fa avevano importanti entrate che adesso sono state dimezzate, grazie anche alla regolamentazione del gioco, sia quello fisico che virtuale e digitale. La tecnologia inoltre, attraverso l’ente autonomo AAMS è in grado di monitorare e supervisionare il gioco nel nostro Paese. Le regole comunitarie sono capaci di dare ordine e struttura a questo tipo di settore che in Italia costituisce sempre più un elemento virtuoso in termini di entrate. Bisogna quindi riflettere su quello che sarà il ruolo del gioco e dell’industria dell’intrattenimento per adulti nel nostro Paese da qui guardando in avanti.